Nel cuore dell’Oceano Pacifico del Sud si trova un piccolo paradiso terrestre che mantiene e protegge gelosamente i suoi tesori naturali e culturali, tenendoli fuori dal resto del mondo: stiamo parlando della Nuova Caledonia. Questa isola, che fa parte del territorio francese, è poco conosciuta alla maggior parte delle persone, nonostante sia uno dei pochi posti al mondo ancora quasi completamente incontaminato.

La Nuova Caledonia si trova vicino all’Australia, infatti si può raggiungere in solo 3 ore di volo da Oaklands e Sidney, ma non è troppo lontano nemmeno dal Giappone, dal quale ci vogliono 9 ore di aereo. Dall’Europa, invece, il viaggio si allunga di un po’; dai principali aeroporto europei, compreso di scali, la durata del volo è di circa 24 ore.

Ma l’aereo non è l’unico mezzo con il quale si può raggiungere questo piccolo pezzo di terra in mezzo al Pacifico, infatti, la Nuova Caledonia è una meta molto ambita anche dalle navi da crociera e, in generale, per tutti coloro che navigano in mare. Al contrario di quello che si potrebbe pensare, questo territorio, nei suoi piccoli 20.000 metri quadri, racchiude molteplici mondi che aspettano solo di essere scoperti e ammirati in tutta la loro bellezza, per sentirsi, almeno per una volta, veramente fuori dal mondo frenetico nel quale viviamo quotidianamente.

Il passato della Nuova Caledonia ha plasmato una popolazione eterogenea, di origine e culture diverse ma unite dalla passione e dall’amore verso questa terra, che conservano e proteggono in modo molto premuroso.

Per quanto la Nuova Caledonia sia un territorio che meriterebbe di essere vissuto e ammirato in ogni suo angolo e in ogni sua sfaccettatura, andiamo a vedere i luoghi simbolo di quest’isola.

La capitale Noumea

Un posto che merita sicuramente una visita è la città di Noumea, la capitale della Nuova Caledonia. Noumea è un’accogliente città costruita su un istmo dalle magnifiche baie e, così come il territorio, è unica ed eterogenea. Infatti, stupisce unendo la sua riviera, in pieno stile francese, in maniera armoniosa con il patrimonio storico e culturale del territorio.

Noumea offre tutti i passatempi di una moderna città balneare, con numerose attività ricreative legate al mare con le quali sbizzarrirsi, il tutto in un’atmosfera estremamente rilassante e a una cordialità che non ha paragoni. Uno dei punti di interesse da non perdere nella capitale della Nuova Caledonia, soprattutto per noi italiani, è il centro culturale di Noumea, progettato dall’architetto italiano Renzo Piano.

L’isola dei Pini, un gioiello dei mari

A soli 20 minuti di volo, o in alternativa a 3 ore di traghetto, da Noumea si trova l’isola dei Pini che simboleggia la bellezza dell’Oceano Pacifico con le sue spiagge incontaminate e i suoi isolotti incastonati in una laguna dalle acque color turchese.

L’isola dei Pini è una delle più famose e gettonate dai turisti europei e non, merito senza dubbio della sua bellezza ma anche dal fatto che risulta l’isola più attrezzata a livello turistico, grazie alla presenza di varie strutture ricettive. Il nome di quest’isola deriva, come ben si può intuire, dalla forte presenza di pini autoctoni che rendono il paesaggio quasi fiabesco.

Le isole di Lifou, Marè e Ouvèa

Oltre alla più famosa isola dei Pini, vicino alle coste della Nuova Caledonia ci sono altre tre isole che meritano davvero una visita. La prima è Lifou, la più grande, che permette di fare molte attività marine ed escursioni nella vegetazione, e dove non mancano piccoli ristoranti tipici e le strutture per passare la notte.

Poi abbiamo Marè, la più selvaggia e quella meno confortevole per una visita turistica. Questa isola si presta benissimo ai viaggiatori più avventurieri che vogliono vivere pienamente la natura incontaminata del territorio della Nuova Caledonia. Infine, abbiamo l’isola di Ouvèa, da molti ritenuta la più bella in assoluto per merito della sua lingua di sabbia e della sua spiaggia lunga più di 30km.

I luoghi incontaminati della Nuova Caledonia

Come abbiamo detto anche all’inizio, la Nuova Caledonia è uno dei pochi posti rimasti incontaminati nel mondo, infatti, è un territorio da scoprire fino in fondo attraverso le diverse escursioni.

Un punto molto d’interesse nel Nord Ovest del paese è la regione di Voh, nella quale in una foresta di mangrovie si forma in maniera del tutto naturale un cuore, appunto il cuore di Voh. Altro punto molto interessante del paese è quello dell’Est dell’isola, dove vivono le popolazioni locali chiamate Canac e nel quale dominano le rigogliose foreste. Poi abbiamo il territorio del Sud dell’isola, soprannominato il Grande Sud. Qui troveremo un paesaggio che rievoca il pianeta rosso, tipico anche dell’entroterra australiano, dove un suolo di colore rossastro nutre una vegetazione unica nel suo genere. Infine, parliamo dell’Ovest del paese, dove si vede e si vive un’atmosfera di ranch e di fattorie tipicamente americane, tanto da essere soprannominato il Far West della Nuova Caledonia. Qui possiamo trovare pianure sconfinate, immensi allevamenti di bestiame e i rimasugli della vecchia storia mineraria del paese.