Un tempo Lisbona era il porto naturale di partenza dei marinai portoghesi, protagonisti della scoperta e conquista del mondo. Oggi è la capitale del Portogallo, ospitale e popolare.

La vera essenza della città è racchiusa tra i tanti quartieri che la compongono, su tutti la Baixa. A seguire una breve guida su cosa vedere a Lisbona durante un soggiorno di due o tre giorni nel più importante centro lusitano.

I quartieri di Lisbona

La Baixa è il cuore pulsante di Lisbona. Sorge nel centro della capitale portoghese e ospita la maggior parte dei turisti durante tutti i 12 mesi dell’anno. Merito dei tanti negozi alla moda, locali e ristoranti dove pranzare e cenare senza spendere una fortuna. All’interno della Baixa si trovano anche importanti attrative, su tutte la Piazza Rossio, famosa per la sua pavimentazione in bianco e nero.

Gli altri tre quartieri di Lisbona più famosi sono il Bairro Alto, il Chiado e l’Alfama.

Il primo è noto per essere la zona frequentata dai giovani e dagli artisti, nonostante in passato fosse l’area dove risiedevano le famiglie più ricche della città. Durante una vacanza di alcuni giorni, la visita al Bairro Alto è consigliata anche per il modo spettacolare in cui lo si raggiunge. Infatti, la maggior parte dei turisti opta per la funicolare di Bica e quella di Gloria, in partienza rispettivamente da Cais do Sodrè e Piazza dos Restauradores. La piazza principale del quartiere amato dagli artisti di Lisbona si chiama Praca (piazza) do Principe Real, che si anima soprattutto alla sera.

Il Chiado è, invece, il quartiere degli intelletuali, dove ancora oggi è possibile vedere i segni del terremoto del 1755 che sconvolse Lisbona, attraverso le rovine della chiesa del Carmo. La figura maggiormente legata al Chiado è il poeta e scrittore portoghese Pessoa, a cui i locali hanno dedicato una statua in bronzo.

Vicoli stretti, strade in pendenza, atmosfere caotiche: il benvenuto del quartiere Alfama è tra i più affascinanti che i visitatori stranieri possano ottenere durante una visita alla capitale del Portogallo.

I monumenti più famosi di Lisbona

Nonostante non sia il monumento più importante, la Torre di Belem è uno dei simboli della città. All’ombra della torre, i marinari portoghesi salpavano dal porto di Lisbona alla ricerca di nuove terre da conquistare in giro per il mondo. In passato, il Portogallo fu una delle nazioni più attive nel campo esplorativo, diventando un Paese modello e di riferimento per molti altri.

La torre è visitabile durante tutto l’anno, ad eccezione del lunedì e in occasione delle festività più importanti. Il costo del biglietto per l’ingresso è pari a 6 euro, anche se è possibile acquistare il ticket da 12 euro che consente la visita combinata di Belem e del Monastero Los Jeronimos, situato nelle immediate vicinanze. Oggi l’edificio religioso è ritenuto il monumento più importante di Lisbona. La sua costruzione risale ai primissimi anni del Cinquecento, in onore dell’esploratore Vasco da Gama, che poco prima aveva scoperto per primo la rotta per le Indie.

Il famoso navigatore lusitano fu sepolto all’interno della Chiesa di Betlemme, inclusa all’interno del monastero, che ospita anche la tomba dello scrittore Pessoa, nel chiostro dove i monaci Gerolamini erano soliti condurre la propria vita monastica.

Lisbona è una città vivace e giovane, ricca di attrattive che non possono non sorprenderti: goditi il tuo viaggio alla scoperta della capitale portoghese!

Chiara Parisi
Giornalista Pubblicista dal 1993, ho collaborato per anni con 2 testate locali nel Salento. Nel 2018, ho raccolto la sfida proposta da Chiara Galiberti e ho deciso di diventare Direttore di AmicoTravel.it.