Belluno si trova a 380 metri sopra il livello del mare, ma è possibile raggiungere la montagna a piedi, seguendo il percorso rosso che parte dal centro storico per arrivare poi nelle prime riserve naturali.
Infatti Belluno è il solo capoluogo italiano il cui territorio rientra in un parco nazionale, il Parco Naturale delle Dolomiti Bellunesi.

Cosa vedere a Belluno

Porta Rugo: tipica costruzione medievale, è l’accesso storico che porta dal porto fluviale di Borgo Piave alla parte meridionale della città. L’ultimo restauro risale al 1902. È uno dei simboli della città.

Piazza Mercato: ricca di palazzi storici, ospita una fontana del 1410, la più antica tra le fontane pubbliche bellunesi.

Torre Civica: Dallo scorso anno è riaperta al pubblico. È possibile salirci per ammirare la città da una nuova prospettiva e nel contempo ascoltare la sua storia.

Parco Naturale delle Dolomiti Bellunesi: Cime rocciose e folti boschi verdi sono solo una parte della bellezza di questo parco. È possibile visitarlo seguendo degli itinerari naturali o tematici.

Palazzo dei Rettori: Ora sede della Prefettura, per quasi quattrocento anni fu la sede dei rettori che governavano la città.  Sulla facciata sono esposti stemmi e busti dei rettori veneti dal 15° al 17° secolo.

Cattedrale di San Martino: Edificata sulle ceneri di un’antica chiesa, è situata in Piazza Duomo ed è la chiesa più importante di Belluno. È dedicata a San Martino di Tours, patrono della città. La sua costruzione iniziò nel 1517 ma i lavori finirono molto più tardi. Proprio per questo motivo vi è una mescolanza di stili diversi.

Piazza dei Martiri: Conosciuta anche come Campitello (o Campedèl) era utilizzata come mercato del bestiame e base per i militari. Adesso è il centro di ritrovo dei bellunesi che possono rilassarsi sotto i portici grazie alla presenza di bar e tavolini. In questa piazza, inoltre, è possibile ammirare il Monumento alla Resistenza.

Ponte della Vittoria: Costruito con il cemento armato, è di recente costruzione. La prima pietra fu posata nel 1923 e tre anni dopo il ponte venne aperto al traffico. Sui pannelli decorativi furono incisi alcuni versi della “Canzone del Piave”.

Chiesa di Santo Stefano: Eretta tra il 1468 e il 1491, da molti è considerata la più bella grazie al suo stile semplice ma elegante. Il campanile presenta un grande orologio con il quadrante in pietra originale diviso in 24 ore.

Museo Civico: In 5 piani e 24 stanze sono distribuite 600 opere pittoriche di artisti famosi, ma anche collezioni di porcellane, gioielli, disegni e incisioni.

Cosa mangiare a Belluno

Dopo aver camminato e visitato a lungo la città, il miglior modo per recuperare le energie spese è assaggiare i prodotti tradizionali della cucina bellunese.

I formaggi sono così richiesti che Belluno ha dedicato loro una strada intera. Il più conosciuto è lo schiz che solitamente accompagna la polenta ma, grazie alla sua dolcezza, va bene anche con carne e pasta.

I fagioli di Lamon, coltivati nella zona da cui prendono il nome. Ogni fine settembre viene celebrato con una festa questo prezioso legume.

I casunziei sono ravioli tipici di Cortina d’Ampezzo ma diffusi in tutta la zona delle Dolomiti. Sono tante le versioni da gustare, ma la ricetta classica è farcita con barbabietole rosse, burro e semi di papavero.

La provincia di Belluno è famosa anche per i gelati, soprattutto a Val di Zoldo dove i gelatieri esportano la loro prelibatezza artigianale in tutto il mondo.

Per quanto riguarda le specialità da bere è doveroso degustare la birra della Pedavena e la birra delle Dolomiti, che raccoglie direttamente dalla fonte l’acqua necessaria alla sua produzione. Un’altra bevanda da non lasciarsi sfuggire è sicuramente la grappa: aromatizzata in tutti i modi, riesce a soddisfare anche i palati più esigenti.

Curiosità su Belluno

Belluno si visita comodamente a piedi: basta lasciare la macchina nel parcheggio alla base della città, il Lambioi Park, e si sale fino al centro storico con una lunga scala mobile coperta.

Il capoluogo delle Dolomiti mette a disposizione dei turisti un pass: il Belluno City Pass costa 12 euro e ha validità 3 giorni. Permette parcheggio gratuito al Lambioi Park, ingresso gratuito al Museo Civico, sconti per mostre ed eventi, ma anche per ristoranti e attività per il tempo libero. Il Belluno City Pass può essere acquistato direttamente agli uffici del Lambioi Park, al piano terra.

L’affascinante centro storico, dove la storia rivive nei palazzi, e la natura incontaminata a due passi dalla città sono dei motivi più che validi per scoprire la bellezza distinta di Belluno!