L’isola di Flores è un’isola dell’arcipelago delle Piccole Isole della Sonda, che si trova nell’area orientale dell’Indonesia, abitata da circa un milione e mezzo di abitanti (misura solo 380 Km), che sta diventando un’importante città turistica dell’Indonesia.

L’isola indonesiana ha una storia antica che si perpetua nei suoi villaggi dal caratteristico aspetto arcaico, una cultura assai ricca che conserva ancora tradizioni ataviche e la natura selvaggia che riserva non poche possibilità di fare esperienze uniche e indimenticabili, tra i paesaggi maestosi e i vulcani attivi.

Labuan Bajo è il porto dell’isola di Flores che si trova vicino al Parco Nazionale di Komodo, un villaggio di pescatori situato all’estremità occidentale dell’isola di Flores e da lì si possono raggiungere molti dei luoghi più affascinanti dell’isola e fare esperienze che renderanno il viaggio un’avventura da ricordare.

Cosa vedere: le isole e le spiagge

L’oceano e le spiagge sono i luoghi più ammirati in questa isola indonesiana, dove c’è davvero tanto da scoprire e da vedere.

Una meta che si deve assolutamente raggiungere è il Parco Nazionale di Komodo, un’area protetta a poca distanza dalle Isole Sonda. Il parco include tre isole di origine vulcanica: l’isola di Komodo, l’isola di Rinca e l’isola di Padar con un’area di 1817 K km². Nel 1991 il parco è stato inserito tra i patrimoni dell’umanità dell’UNESCO.

L’isola di Komodo è famosa per i varani, enormi lucertole che raggiungono anche i 3 m di lunghezza, discendenti da una specie preistorica e che, solo in quest’isola, raggiungono queste dimensioni. Una delle spiagge più suggestive dell’isola di Komodo è la Pink Beach, con la sua incredibile spiaggia rosa e il cui mare presenta una biodiversità marina da rendere incantevole ogni attività subacquee. In attività di snorkeling sarà facile avvistare e godere della bellezza di specie marine come: le eleganti mante giganti, i pesci luna, i pesci rana pagliaccio, le piovre dalle ventose blu, spugne multicolori, coralli e tunicati.

Un luogo da non perdere è la Kalong Island, da visitare assolutamente al tramonto, quando i colori vividi che il sole dipinge nel cielo vengono punteggiati da migliaia di pipistrelli neri, i flying fox.

Uno spettacolo affascinante e unico, senza ombra di dubbio.

Cosa vedere: le grotte e le cascate

L’acqua ha un ruolo importante nel creare luoghi sorprendenti.

Un posto incantevole e particolare è la Batu Cermin Cave, una grotta di pietra calcarea con diverse formazioni saline, dove le infiltrazioni d’acqua creano giochi multiformi e sorprendenti. Ci sono, poi, le famose caverne di Rangko Cave, con stalattiti e stalagmiti, in acqua salmastra e che si trovano su una piccola isola a circa 45 min di barca da Labuan Bajo, raggiungibile con le escursioni organizzate o con le barche dei pescatori.

Un’escursione che richiede circa un’ora di percorso da Labuan Bajo, che si può fare affittando un motorino, è quella alla Cunca Wulang Waterfall, una cascata situata in una bella insenatura dove si può nuotare e tuffarsi in un’acqua piacevolmente rinfrescante.

Le montagne di Flores

Se oltre al mare si vuole vivere davvero singolari esperienze bisogna visitare la zona montuosa interna dell’isola di Flores, in cui sono presenti numerosi vulcani attivi, tra i quali il principale è Kelimutu, alto circa 1.700 metri, il quale presenta tre stupefacenti laghi dalle acque colorate, che cambiano colore in relazione all’attività gassosa dei crateri. I tre laghi si raggiungono con una escursione a piedi, se si è amanti del trekking, o affittando dei mezzi giunti ai piedi del vulcano.

Parlando di luoghi senza tempo e di esperienze che fantastiche, non si può che visitare il particolare villaggio di Ruteng, che conserva intatti usi e costumi tradizionali antichissimi. In questi luoghi, dalla vegetazione lussureggiante, si può ammirare la pratica del caci, una arcaica forma di lotta/danza di origine rituale che avviene mediante l’uso di fruste. Nei pressi di Ruteng è possibile vedere il sito archeologico di Liang Bua, una grotta in cui sono stati trovati i resti dell’Homo florensis.

Una vacanza multiforme: rilassante, culturale, magica, ricca di sport in una natura che stupisce per la sua diversità e unicità.