Firenze è una città da vivere intensamente: ogni vicolo, ogni ponte, ogni opera d’arte è un viaggio attraverso la sua lunghissima, inimitabile storia. Ma Firenze vanta anche una rinomata tradizione gastronomica. Salumi e carni pregiate, street food e pietanze della tradizione contadina appagano i sensi e descrivono il carattere dei fiorentini.

Ecco, quindi, alcuni locali a Firenze in cui si può mangiare bene, spendere poco e ritrovare i sapori della migliore tradizione gastronomica locale.

Lampredotto, trippa & Co: lo street food Made in Tuscany

Firenze, si sa, fa rima con lampredotto, la trippa bollita lungamente a fuoco lento e consumata insieme al pane inzuppato nel brodo di cottura.

Quando si parla di lampredotto è d’obbligo una visita allo storico locale “Il Lampredotto di Lorenzo Nigro” situato al primo piano del famosissimo Mercato Centrale, a pochi passi da Santa Maria Novella. In un contesto davvero informale è possibile assaporare il lampredotto nel classico panino condito con salsa verde, pepe e peperoncino.

Ritrovo di studenti affamati e amanti del cibo di strada, “Semel” è un piccolo locale vicino all’Università e al Mercato di Sant’Ambrogio. Pareti in mattoni rossi, arredi in legno e specialità declamate su semplici lavagnette accolgono i clienti insieme ai profumi avvolgenti della cucina locale. Panini con aringhe e pecorino, stufato di ciuco o carni di cervo e cinghiale sono alcune delle migliori proposte. Non mancano il lampredotto, la pasta al ragù di capriolo o di cinta senese. Cibi dal sapore deciso da accompagnare con un sorso di sincero vino toscano.

Si fregia de titolo di “Locale più recensito al mondo” nel 2014 la paninoteca “All’Antico Vinaio” con sedi in diverse città d’Italia. A Firenze si trova a pochi passi da Piazza della Signoria ed è un ottimo approdo per spuntini veloci, gustosi e low cost. La scelta è davvero variegata. Panini e schiacciate possono essere farciti con salumi e formaggi tipici oppure con ingredienti sfiziosi e particolari, come la crema di pistacchio, di cipolla e di patate con la granella di nocciole o il miele, combinati con fantasia e buon gusto. Da Provare.

Osterie e trattorie per mangiare come tradizione comanda

Le trattorie di cucina tipica sono un felice connubio tra buon cibo e convenienza e sono presenti ovunque in città. A pochi minuti di cammino dal celeberrimo Borgo San Frediano sorge la “Trattoria dell’Orto”. Si tratta di un locale storico, caratterizzato da un’atmosfera calda e familiare. Tagliata, bistecca alla fiorentina, cacciagione e trippa sono alcuni dei must da non perdere.

La “Trattoria del Contadino”, anch’essa in pieno centro storico, fa del binomio qualità-convenienza il suo vessillo sin dal lontano 1974. In questo ristorantino il menù a prezzo fisso viene composto in base agli ingredienti freschi disponibili, proprio come si farebbe in famiglia. Ed è grazie a tale formula che i proprietari possono offrire pranzi e cene completi a prezzi davvero bassi.

Pasta fresca, minestre e legumi rappresentano il punto di forza della Trattoria del Contadino, perfetta anche per gli amanti del pesce. Qui è infatti possibile gustare pietanze come il baccalà fritto o alla livornese, le trote al cartoccio, le seppie in umido e il pesce spada.

Il menù cambia di giorno in giorno anche presso la “Trattoria Accadì”, in Borgo Pinti. Un originale esempio del carattere internazionale di questa città. Il cuoco è argentino, il proprietario è giapponese e il menù è una felice fusione tra piatti tipici toscani e specialità orientali. Si possono mangiare il peposo e la trippa, le pappardelle al ragù e il cinghiale in umido così come il sushi e il sashimi. E scegliendo il menù a prezzo fisso si può consumare un pranzo completo spendendo pochissimo.

Vicino la Basilica di Santo Spirito, infine, sorge la trattoria “I’Raddi”. Il suo menù è un susseguirsi di pietanze tipiche, dai crostini con i fegatini alla pappa al pomodoro, dalla ribollita ai rigatoni al ragù toscano. Quanti preferiscono sapori più moderni e metropolitani possono scegliere i cheeseburger, i paccheri con la mozzarella di bufala, gli straccetti di tacchino o il coniglio in umido. Insomma, accanto a piatti sostanziosi trovano posto cibi più leggeri. Tutti però a prezzi davvero contenuti.