Sofia: luoghi d’interesse

Usufruendo del noleggio auto dall’aeroporto di Sofia possiamo raggiungere subito il simbolo della città: la Cattedrale Alexander Nevskij, ossia il luogo religioso più importante della capitale bulgara. Di notte, l’unico monumento che rimane illuminato in tutta la città.

Contrariamente a quanto accade per la stragrande maggioranza degli edifici religiosi, la Cattedrale di Sofia è dedicata a un eroe militare – Nevsky appunto – che sconfisse i turchi durante una battaglia passata alla storia. Per dimensioni, è la seconda chiesa più grande al mondo costruita in stile neo-bizantino, arrivando direttamente alle spalle del Tempio di San Sava a Belgrado.

Di fronte alla Cattedrale Alexander Nevskij si erge la Chiesa di Santa Sofia, che in passato ha dato il nome attuale alla capitale della Bulgaria. Insieme ad un’altra Chiesa (la Rotonda di San Giorgio), è la Chiesa più antica della città, essendo stata realizzata nel IV secolo.

Gli archeologi hanno scoperto che l’edificio religioso fu costruito sui resti della necropoli della Sofia Romana, conosciuta anche con l’appellativo “città di Serdica”. La Rotonda di San Giorgio è datata al III secolo. La sua storia si è spesso intrecciata con gli avvenimenti storici più importanti di Sofia: dall’impero di Costantino (che volle costruire il suo palazzo a pochi metri da qui) alla dominazione turca (durante la quale la Chiesa fu trasformata in moschea, stesso destino subito dalla Chiesa di Santa Sofia).

Utilizzando il servizio di noleggio auto a Sofia aeroporto, un altro luogo da non perdere durante la visita di Sofia è la Chiesa di Boyana: secondo gli studiosi, fu uno dei primissimi centri in tutta Europa a ospitare i precursori del Rinascimento, con dipinti che risalgono ad alcuni anni prima rispetto alle primissime opere artistiche di Giotto. Tra gli affreschi più spettacolari si segnalano quelli che hanno per oggetto la vita di san Nicola e lo zar Costantino Aser.

Infine, il consiglio è di scattare qualche foto a un monumento emblematico della capitale bulgara: la statua di Santa Sofia. Pochi sanno – e all’inizio nemmeno gli artisti della statua – che Sofia in realtà si chiama così perché l’imperatore Giustiniano durante il suo regno volle celebrare la saggezza di Dio, facendo erigere l’odierna chiesa che dà il nome alla capitale. Ciò significa che Sofia non è riferita alla Santa della fede cristiana, bensì al termine greco “sophia” (il cui significato è saggezza).

Sofia: arte e cultura

Una volta raggiunto il centro grazie all’autonoleggio dall’aeroporto di Sofia, si suggerisce di vivere appieno l’arte e la cultura della capitale bulgara. Il fiore all’occhiello è rappresentato dalla Galleria d’Arte 500 (chiamata anche Kvadrat 500). L’edificio ospita sia le opere più importanti della Galleria Nazionale sia quelli della Galleria d’Arte Straniera.

Per l’importanza delle opere di artisti locali contenute al suo interno, la Galleria d’Arte 500 è stata ribattezzata con l’appellativo di Louvre della Bulgaria. Oltre alla visita della Kvadrat 500, si consiglia di entrare nel Museo Archeologico Nazionale, qui sono ospitati due tesori molto significativi per la storia del popolo bulgaro: il tesoro di Nikolayev e quello di Vulchitrun Lukovit. Inoltre, il museo custodisce una copia della statuetta del Cavaliere di Madara.

L’aeroporto di Sofia: ecco come arrivare nella Capitale della Bulgaria

L’aeroporto di Sofia è il più grande scalo aeroportuale della Bulgaria e si trova a circa 10 km dal centro della capitale.

L’area venne costruita alla fine degli anni Trenta del secolo scorso, e fino agli anni Duemila lo scalo bulgaro era costituito da un solo Terminal (Terminal 1); oggi, invece, i Terminal passeggeri sono due, a seguito della realizzazione del Terminal 2 nell’anno 2006.

Il Terminal 1 è destinato all’atterraggio delle compagnie aeree low cost, mentre il Terminal 2 è assegnato ai voli effettuati dalla compagnia di bandiera della Bulgaria. Nel corso degli ultimi anni, il traffico passeggeri si è attestato poco al di sotto dei 7 milioni di passeggeri; rispetto a meno di 20 anni fa, il numero dei passeggeri in transito all’aeroporto di Sofia è aumentato in maniera esponenziale, infatti, nei primi anni Duemila il dato era pari a 1 milione di passeggeri ogni dodici mesi.

I collegamenti principali da Sofia sono per Londra, come testimoniano le quasi 60 partenze settimanali dirette verso la capitale londinese. Le altre città europee più gettonate sono Vienna, Monaco di Baviera e Francoforte.

Dall’Italia, i principali collegamenti per l’aeroporto di Sofia sono rappresentati dagli scali di Linate, Malpensa, Fiumicino, Ciampino, Bergamo, Bologna e Napoli.

Per arrivare al centro di Sofia nel più breve tempo possibile, utilizzando l’auto a noleggio prenotata con TiNoleggio, il percorso più veloce è percorrere la strada bul. Bruksel, che si imbocca appena usciti dall’aeroporto, quindi prendere l’uscita Cristoforo Colombo ed entrare dopo poche centinaia di metri in Boulevard Tsarigradsko shose. Dopo pochi km si arriva al centro di Sofia.