La Bretagna, penisola collinare che si affaccia sull’Oceano Atlantico all’estremo nord-ovest della Francia. Offre paesaggi incantati, cittadine medievali, luoghi mistici e una costa rocciosa intervallata da meravigliose calette e spiagge. È quindi una meta che permette di scegliere l’itinerario più consono ai propri interessi.

I 6 castelli più belli della Bretagna

L’itinerario più amato della Bretagna porta alla scoperta dei suoi storici castelli. I castelli bretoni sono meno affollati rispetto ai più famosi castelli della Loira, rappresentando quindi un’alternativa piacevole durante il periodo primaverile-estivo di maggior affluenza di turisti. L’itinerario proposto è lungo circa 300 chilometri e prevede la visita a 6 castelli.

Castello di Suscinio

L’itinerario, una sorta di coast to coast, comincia dal Golfo di Morbihan in cui si trova uno dei castelli più spettacolari della Bretagna, il Castello di Suscinio, sede dell’esilio di re Enrico VII d’Inghilterra. Il complesso, costruito a partire dal XIII secolo, comprende il castello circondato da un fossato pieno d’acqua, una colombaia, una cappella e altre rovine.

Castello di Josellin

Proseguendo verso nord e superando l’incantevole cittadina medievale di Vannes, si giunge all’affascinante Castello di Josselin. Eretto a partire dall’XI secolo sulle rive del fiume Oust. Al suo interno il castello ospita il museo delle bambole, mentre al suo esterno un giardino alla francese con un roseto che comprende 40 specie di rose.

Fort la Latte

Procedendo verso nord, a strapiombo sulla Manica, si trova lo scenografico Fort la Latte, fortezza costruita su un’aspra scogliera della Baie de la Fresnaye nel XIV secolo e fortificata nel XVII in ardesia rosa.

Castello de la Bourbansais

Il successivo Castello de la Bourbansais del XVI secolo è famoso per i saloni interni riccamente decorati e perché vanta di uno zoo e di un giardino alla francese.

Château de Combourg

In seguito, il tour prevede una visita in uno dei castelli più antichi della Bretagna, il Château de Combourg costruito nell’XI secolo e riscostruito fra il Trecento e il Quattrocento. La peculiarità di questo castello è la presenza di fantasmi, narrati anche dal famoso scrittore François-René de Chateaubriand.

Fortezza di Fougères

La Fortezza di Fougères, costruita su un isolotto di roccia circondato dal fiume Nançon, rappresenta l’ultima tappa di questo itinerario. Questa grande fortezza, forse la meglio conservata d’Europa, comprende il Castello di Fougères, il borgo medievale e la chiesa di Saint-Sulpice.

Castello di Hunaudaye, rovine del Saint Cast le Guildo, Castello di Vitré e Castello di Rocher-Portail o Rocher-Sénéchal

Oltre ai castelli appena menzionati, altri di spiccato interesse sono il Castello di Hunaudaye, con le sue torri difensive e dimora di un fantasma, le rovine del Saint Cast le Guildo, con i suoi affreschi e decorazioni, il Castello di Vitré, simbolo della regione e il pittoresco Castello di Rocher-Portail o Rocher-Sénéchal con i suoi tetti in ardesia, le sue merlature e le gallerie interne.

Le 6 città più belle della Bretagna

È difficile stilare una lista delle città più belle della Bretagna perché c’è solo l’imbarazzo della scelta. Si propone, comunque, un itinerario lungo circa 550 chilometri che comprende due città sulla costa settentrionale, due sulla costa meridionale e due lontane dal mare.

Saint-Malo e Ploumanac’h

Partendo dalla costa nord della Bretagna, la città dei corsari di Saint-Malo è caratterizzata da movimenti di marea che offrono spettacoli davvero suggestivi. Più a ovest, Ploumanac’h, dichiarato patrimonio nazionale, è un piccolo villaggio situato lungo la costa di granito rosa. Il rosa del granito e il blu del mare formano una vera e propria tavolozza di colori offrendo, soprattutto al tramonto, scenari indimenticabili.

Locronan e Vannes

La costa sud vanta di città come Locronan e Vannes. Locronan è un piccolo paese fiorito ricco di case in granito di epoca rinascimentale, botteghe artigiane e un centro in cui le auto non possono circolare. Vannes, tipica città medievale sul golfo di Morbihan, è a sua volta caratterizzata da viuzze e case a graticcio. Da questa città è possibile imbarcarsi per visitare l’isola dei Monaci, con i suoi boschi e il clima mite, e la più selvaggia isola di Arz, paradiso degli escursionisti.

Dinan e Nantes

Lontane dal mare, Dinan e Nantes sono mete imperdibili. L’elegante cittadina di Dinan, oltre allo splendido castello con le mura e le caratteristiche torri, vanta una meravigliosa passeggiata verso il porto e un’impagabile salita di 158 gradini sulla torre dell’orologio nel centro storico, ricco di artisti che rievocano la musica e le arti medioevali. Nantes in realtà è una città “intrusa” poiché fa parte della regione della Loira, ma viene comunque considerata a tutti gli effetti una città bretone. Nantes, con un centro storico pieno di vita, è considerata un museo a cielo aperto grazie alle sue opere d’arte all’avanguardia.

Carnac, Paimpont, Pont-Aven, Rochefort-en-Terre, Cancale, Concarneau e Auray

In questo lungo percorso, oltre alle città descritte, si incontrano numerose altre località che per motivi naturalistici, storici e architettonici meritano una visita: Carnac per i suoi megaliti preistorici, Paimpont per la leggenda di re Artù, Pont-Aven per i suoi mulini, Rochefort-en-Terre per i fiori, Cancale per le ostriche, Concarneau o “paese blu” per il colore delle reti dai pescatori di sardine e Auray per il suo pittoresco porto.